Merry Christmas 2016

Merry Christmas 2016 to everyone.

 

La performance pensata da Fatmir per augurare a tutti un Buon Natale 2016 è classica ed emozionante.

La musica coinvolgente e l’atmosfera in cui crea e trasforma le sue opere ci porta in mondi fuori dal tempo e dallo spazio. In questa performance, con pochi tocchi l’artista ci fa viaggiare fino al deserto, e ci immerge in una notte stellata. Guardando le sue mani che lavorano sembra quasi di sentirne l’energia. Sembra quasi di poter in qualche modo partecipare, entrare a far parte di questa speciale danza, di questo rituale. Ogni movimento, perfettamente calcolato, dà vita ad un nuovo dettaglio e piano piano lo scenario si anima, si riempie. Prima le stelle, ad illuminare la scena. Poi le palme, pigramente abbandonate al vento del deserto, che soffia obliquo sulla scena.

Finalmente un volto, sempre più caratterizzato, fino a diventare persona, forma, identità. La scena è sacra, per iconografia e suggestione. Il tempo si è fermato, in quello sguardo che si ripeterà all’infinito. Madre e figlio. Occhi negli occhi.

La performance prosegue mentre all’orizzonte, intanto, Fatmir delinea alcune figure, tre, per l’esattezza.

anch’esse riconoscibili, anch’esse conosciute. Camminano coi loro animali, appesantiti dal compito che è stato loro assegnato dal divino, per chi crede, dalla leggenda per chi preferisce il sogno.

Il vento rallenta uomini e animali, la luce delle stelle allunga le loro ombre. Su tutto, a rassicurarci, finalmente, arriva la stella cometa, da più di duemila anni guida per i credenti e pura magia per tutti gli altri.

Fatmir conclude la performance firmando e fermando l’immagine. Per pochi istanti. Presto, con un colpo della mano, confonderà i tratti di questa scena per dar vita a qualche altra meravigliosa creatura.

Ognuna delle opere di Fatmir è custodita nel suo personalissimo baule segreto, dal quale attinge le immagini che crea per gli occhi di chi lo vorrà seguire.